Avvocato Telematico

Processo civile telematico

Questo sito eredita i contenuti del blog avvocatotelematico.wordpress.com che, raggiunti i quai 8 milioni di visite, necessitava di un restyling e di una rivisitazione tecnica. Il sito è ora ospitato in un sottodominio del sito www.studiolegalearcella.it ed è privo di inserzioni pubblicitarie

Notifiche telematiche

Teoria "basic" per le notificazioni telematiche dell'avvocato

Blog "AvvocatoTelematico"

Articoli, "quesiti e risposte" e tutto quanto già pubblicato su "AvvocatoTelematico"

Modelli e formule

Modelli di attestazioni di conformità, relate di notifica ed altro

Raccolta normativa

La raccolta normativa sul PCT in pdf interattivo

Comunicazioni di cancelleria

Tutto (o quasi) c'è da sapere sulle comunicazioni di cancelleria

FAQ sul PCT (FIIF)

Risposte a domande frequenti sul PCT (dal sito FIIF)

Ultimi articoli pubblicati

NEWS: udienze da remoto anche presso i Giudici di Pace

Nella giornata di ieri, 24 Marzo 2020, la DGSIA ha distribuito 2850  licenze di Microsoft Office 365 (che comprende anche il software Teams) ai magistrati  onorari ed a quelli degli Uffici del Giudice di pace: ciò significa che anche presso tali Uffici sarà possibile celebrare udienze nella modalità prevista dall’art. 83, lett. f) D.L. 18/2020.

Sono stati inoltre distribuiti nei giorni scorsi ai magistrati anche un Vademecum per l’utilizzo di Microsoft Teams  ed una raccolta di risposte a domande frequenti (FAQ), documenti che possono essere scaricati dai link appena evidenziati. Si segnala tuttavia che le modalità di creazione di una “riunione” Teams illustrate nel Vademecum non corrispondono (se non nella parte puramente tecnica) a quelle di fissazione dell’udienza da remoto.

 

Udienze da remoto in Cassazione: prime esperienze positive!

Si pubblica il comunicato stampa della Corte di Cassazione con cui si rende noto che la Settima sezione penale della Corte di cassazione ha deciso, in data 23 Marzo 2020, alcuni ricorsi relativi ad imputati detenuti con termini massimi di custodia cautelare prossimi a scadere, con la partecipazione alla camera di consiglio di alcuni consiglieri “da remoto”, mediante l’utilizzazione di strumenti di collegamento sicuro da remoto stabilita con decreto n. 44 del 23.3.2020.

Tale comunicato si chiude con la positiva constatazione che “La celebrazione dell’adunanza non ha registrato alcun inconveniente dal punto di vista tecnico, essendosi svolta anche con l’assistenza del personale informatico in base ai sistema da remoto validato dal Ministro della Giustizia“.

Videoguida: pagamento del c.u. in modalità telematica e deposito della ricevuta xml

Come noto, per effetto della disposizione emergenziale contenuta nell’art. 2, comma 6, DL 11/2020, “… fino al 31 maggio 2020, negli uffici che hanno la disponibilità del servizio di deposito telematico anche gli atti e documenti di cui all’articolo 16-bis, comma 1-bis, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, sono depositati esclusivamente con le modalità previste dal comma 1 del medesimo articolo. Gli obblighi di pagamento del contributo unificato di cui all’articolo 14 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, nonchè l’anticipazione forfettaria di cui all’articolo 30 del medesimo decreto, connessi al deposito degli atti con le modalità previste dal periodo precedente, sono assolti con sistemi telematici di pagamento anche tramite la piattaforma tecnologica di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82″. 

In altri termini, allo stato è obbligatorio il deposito in modalità telematica anche dei c.d. “atti introduttivi”:  accanto a tale disposizione, mirante ad evitare l’afflusso di pubblico e di avvocati presso gli uffici giudiziari, è stato previsto che il pagamento del contributo unificato e della marca da 27 € avvenga in modalità telematica.: ai molti Colleghi non sono avvezzi a tale adempimento soccorre l’utilissima videoguida messa a punto dall’avv. Fabio Salomone (Foro di Matera) che illustra sia le modalità di esecuzione del pagamento, avvalendosi dell’apposita funzionalità presente sul Portale Servizi Telematici, sia la successiva fase del deposito della ricevuta in formato xml ottenuta all’esito del pagamento stesso.

Buona visione