Avvocato Telematico

Processo civile telematico

Questo sito eredita i contenuti del blog avvocatotelematico.wordpress.com che, raggiunti i quai 8 milioni di visite, necessitava di un restyling e di una rivisitazione tecnica. Il sito è ora ospitato in un sottodominio del sito www.studiolegalearcella.it ed è privo di inserzioni pubblicitarie

Notifiche telematiche

Teoria "basic" per le notificazioni telematiche dell'avvocato

Blog "AvvocatoTelematico"

Articoli, "quesiti e risposte" e tutto quanto già pubblicato su "AvvocatoTelematico"

Modelli e formule

Modelli di attestazioni di conformità, relate di notifica ed altro

Raccolta normativa

La raccolta normativa sul PCT in pdf interattivo

Comunicazioni di cancelleria

Tutto (o quasi) c'è da sapere sulle comunicazioni di cancelleria

FAQ sul PCT (FIIF)

Risposte a domande frequenti sul PCT (dal sito FIIF)

Ultimi articoli pubblicati

News: Rallentamenti servizi PEC Giustizia

Fonte DGSIA – 18/9/2019

Si comunica che a partire dalla giornata di ieri sono stati verificati alcuni rallentamenti nella ricezione dei messaggi di posta elettronica certificata (P.E.C.).
I messaggi relativi alle ricevute di avvenuta consegna e agli esiti dei controlli automatici perverranno con il completo ripristino del servizio.
In attesa della ricezione della ricevuta, non è necessario effettuare nuovamente il deposito.

News: avviso di Agenzia delle Entrate su falsi messaggi PEC con allegati malevoli

Agenzia delle Entrate ha diramato il comunicato di cui appresso segnalando che ignoti malintenzionati stanno inviando a professionisti ed aziende false pec recanti “un oggetto che assomiglia a un numero di protocollo utilizzato per le classiche comunicazioni dell’Agenzia (COMUNICAZIONE XXXXXXXXXX [ENTRATE|AGEDCXXX|REGISTRO) e includono in allegato un file in formato zip che contiene a sua volta un documento pdf non valido ed un file vbs. Quest’ultimo, se lanciato, scarica sul computer un software dannoso per ottenerne il controllo“.

Si suggerisce di prestare particolare attenzione ai messaggi pec ricevuie e di esaminarne attentamente il contenuto onde valutare se si tratti o meno di casi rientranti nella segnalazione in parola.

 

Riunione di giudizi nel PCT e problematiche relative alla “visibilità” dei documenti

E’ noto che, allorquando nel processo civile telematico due o più fascicoli vengano fatti oggetto di riunione (artt. 273 e 274 c.p.c.), i depositi vanno effettuati nel fascicolo più “anziano”, vale a dire in quello nel quale sono confluiti i procedimenti riuniti. Dal momento della riunione, ogni attività processuale, ormai comune a tutti i giudizi, proseguirà in quell’unico fascicolo, nel quale comparirà un evento di “SI RIUNISCE QUI IL FASCICOLO N. NN/AAA IL gg/mm/aa”.

Il fascicolo (o i fascicoli riuniti) passeranno in uno stato non dissimile a quello della definizione del giudizio, comparendo in essi un evento “RIUNITO D’UFFICIO (ART. 274 C.P.C.) AL FASCICOLO NN/AAA”.

Sta di fatto che, allo stato, a tale “riunione” non consegue l’automatica visibilità da parte di quei soggetti che sono parti dei fascicoli riuniti, sicché la Cancelleria deve operare con un intervento manuale di inserimento delle parti (e dei relativi difensori) non presenti nel fascicolo principale. Parimenti, se una parte del fascicolo principale non era anche parte dei fascicoli riuniti, essa (col relativo difensore) andrà aggiunta (sempre con intervento manuale del cancelliere) anche nei fascicoli riuniti dacché, in mancanza, il relativo difensore non avrà visibilità degli atti, documenti e provvedimenti del fascicolo riunito.

Analogo problema si verifica nel caso di costituzione di nuovo difensore per taluna delle parti successivamente all’avvenuta riunione: come detto, in tal caso il deposito va effettuato nel fascicolo principale. Va segnalato tuttavia che, una volta accettato tale deposito, l’avvocato avrà anch’egli visibilità del solo fascicolo principale e non anche di quelli riuniti.  Ed alla cosa non può porsi rimedio né con un’istanza di visibilità né con una costituzione depositata nel fascicolo riunito, in quanto il sistema SICID, in ragione dell’indicato “stato” in cui si trova il fascicolo, non consente lo scaricamento del corrispondente evento:


Ne deriva che, in tal caso, ove la cancelleria non vi provveda autonomamente, il nuovo difensore dovrà sollecitare l’intervento manuale da parte del Cancelliere affinché il proprio nominativo venga inserito nel fascicolo riunito.

Al riguardo, risulta a chi scrive che siano stati programmati da parte del DGSIA interventi tecnici per consentire in via automatica la visibilità a tutte le parti di tutti i fascicoli riuniti.