Processo civile telematico

Questo sito eredita i contenuti del blog avvocatotelematico.wordpress.com che, raggiunti i quai 8 milioni di visite, necessitava di un restyling e di una rivisitazione tecnica. Il sito è ora ospitato in un sottodominio del sito www.studiolegalearcella.it ed è privo di inserzioni pubblicitarie

Notifiche telematiche

Teoria "basic" per le notificazioni telematiche dell'avvocato

Blog "AvvocatoTelematico"

Articoli, "quesiti e risposte" e tutto quanto già pubblicato su "AvvocatoTelematico"

Modelli e formule

Modelli di attestazioni di conformità, relate di notifica ed altro

Raccolta normativa

La raccolta normativa sul PCT in pdf interattivo

Comunicazioni di cancelleria

Tutto (o quasi) c'è da sapere sulle comunicazioni di cancelleria

FAQ sul PCT (FIIF)

Risposte a domande frequenti sul PCT (dal sito FIIF)

Ultimi articoli pubblicati

Nuova versione di SLPct in arrivo: risolve il problema “Atto non conforme alle specifiche” del 26-27/4/2022

Si comunica che, presumibilmente nella mattinata di domani, 29 aprile 2022, sarà pubblicata la versione 1.21.0 di SLpct con le seguenti modifiche:

Aggiunto supporto per i nuovi schemi xsd del 12-04-2022, tra cui:

  • aggiunto l’atto del SICID “RicorsoFiliazione
  • nelle Procedure Concorsuali:
    aggiunti sulla Parte gli atti “IstanzaPassiva” e “IstanzaCorrezioneErroreMaterialeCCI”
    aggiunto l’atto del Curatore “IstanzaCorrezioneErroreMaterialeCCI
    aggiunta possibilita’ di modificare le varie sezioni della relata di notifica

Solo per utenti Test iscritti al Model Office: aggiunto supporto per schemi relativi al Giudice di Pace del 05-04-2022 (beta) disponibili solo in modalita’ ElencoAttiCompleto e solo per test sul ModelOffice SIGP.l’aggiornamento in questione risolve il problema dell’errore segnalato dall’esit

La software house Evoluzioni Software, che ringraziamo, fa presente che l’aggiornamento risolve l’errore nell’esito dei controlli automatici nei depositi successivi al 26-27 aprile 2022 (“Atto non conforme alle specifiche. In attesa di conferma da parte della cancelleria…”), errore dovuto alla mancata previsione della retro-compatibilità dei sistemi (schemi  xsd V4) rispetto a quelli nuovi (V5).

Depositi telematici in Cassazione: alcune raccomandazioni

Con l’ultima versione degli schemi xsd per i depositi telematici presso la Corte di Cassazione (contraddistinti dalla sigla “V11”) è stato introdotto lo schema dell’istanza di visibilità, che funziona in maniera del tutto analoga a quella già presente per i depositi dinanzi ai Tribunali ed alle Corti d’Appello, ed è stata aggiunta anche la possibilità di depositare le attestazioni di conformità separate, con il tipo-atto appropriato, rispettoso delle specifiche tecniche previste dall’art. 19-ter del Provvedimento DGSIA del 16 aprile 2014.

Tali schemi sono presenti nel redattore SLpct, che va aggiornato alla versione 1.20.0 (che è quella più recente nel momento in cui scriviamo).

Va anche segnalata la presenza di altri schemi “tipizzati” di deposito, che riguardano i depositi della prova delle notifiche del ricorso o del controricorso o della relativa rinnovazione.  L’utilizzo di tali schemi è di fondamentale importanza ai fini della c.d. “pulizia del dato”, e ciò in quanto il tracciato di tali depositi genera, al momento dell’accettazione del cancelliere, l’evento appropriato e non già un evento generico.

In particolare, per il deposito del ricorso rinotificato va adoperato lo schema “RicorsoRinnovoNotifica“; per il deposito delle cartoline di notifica del ricorso e del controricorso, rispettivamente “AvvisoRicevutaNotificaRicorso” ed “AvvisoRicevutaNotificaControricorso“.

Gli altri schemi tipizzati sono, oltre a quelli delle memorie 378, 380, 380 bis 1, e 380 ter, quello di atti ex art. 372 (“DepositoExArt372”), la “SegnalazioneErroreMateriale“, l’ “IstanzaAssegnazioneSezioniUnite“, l’ “lstanzaPatrocinioASpeseDelloStato“, l’ “IstanzaRiunioneRicorsi“, l’ “IstanzaSollecitaFissazione“, l’ “IstanzaRinnovoNotificaRicorso“, l’ “IstanzaRinvioUdienza“, l’ “IstanzaCessazioneMateriaContendere”, l’ “IstanzaSospensioneGiudizio“, l’integrazione del c.u. (“IntegrazioneSpeseGiustizia”).

 

Decreto milleproroghe: PCT Cassazione, trattazione scritta ed udienze da remoto prorogate al 31/12/2022

Dal sito FIIF

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 di ieri, 30 dicembre 2021, il decreto legge n. 228/2021 che, all’art. 16, prevede la proroga delle disposizioni in materia di giustizia civile, penale, amministrativa, contabile, tributaria e militare già fatte oggetto della legislazione emergenziale.
In particolare, sono prorogate al 31 dicembre 2022 “le disposizioni di cui all’articolo 221, commi 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 10 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, nonche’ le disposizioni di cui all’articolo 23, commi 2, 4, 6, 7, 8, primo, secondo, terzo, quarto e quinto periodo, 8-bis, primo, secondo, terzo e quarto periodo, 9, 9-bis e 10, e agli articoli 23-bis, commi 1, 2, 3, 4 e 7, e 24 del decreto-legge 28 ottobre 2020 n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, in materia di processo civile e penale“.

 

Processo civile

Vi rientrano quindi l’obbligo di pagamento telematico del contributo unificato (art. 221, d.l. 34/2020, co. 3), la trattazione scritta (co. 4), il deposito telematico dinanzi alla Corte di Cassazione (co. 5), l’udienza da remoto (co. 6 e 7), il giuramento scritto del c.t.u. (co. 8) e l’udienza a porte chiuse (art. 23, co. 3, dl 137/2020). Quanto all’udienza da remoto, essendo stato fatto oggetto di proroga anche l’art. 23, co. 7, del d.l. 137/2020, resta in vigore anche la norma che consente al giudice di partecipare all’udienza anche da un luogo diverso dall’ufficio giudiziario.
E’ altresì prorogata la norma che consente di tenere le udienze di separazione consensuale e quelle di divorzio congiunto mediante trattazione scritta (“…note scritte di cui all’articolo 221, comma 4, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34… nel caso in cui tutte le parti che avrebbero diritto a partecipare all’udienza vi rinuncino espressamente con comunicazione, depositata almeno quindici giorni prima dell’udienza, nella quale dichiarano di essere a conoscenza delle norme processuali che prevedono la partecipazione all’udienza, di aver aderito liberamente alla possibilita’ di rinunciare alla partecipazione all’udienza, di confermare le conclusioni rassegnate nel ricorso e, nei giudizi di separazione e divorzio, di non volersi conciliare“).
E’ ancora prorogata alla stessa data la norma (art. 23, co. 8-bis, d.l. 137/2020) relativa alla decisione dei ricorsi per cassazione proposti per la trattazione in pubblica udienza, sostituita dall’udienza in camera di consiglio salvo che una delle parti o il PG faccia istanza di discussione orale, dinanzi alla Corte di Cassazione, con la relativa scansione dei termini per la trasmissione ai difensori delle conclusioni rassegnate dal PG e per il deposito a mezzo posta certificata delle conclusioni dei difensori, nonché dei termini per le memorie ex art. 378 c.p.c.. In tali fattispecie è però prevista, all’art. 16, co. 2 del dl 228/2021, una disciplina transitoria per effetto della quale tali norme “non si applicano ai procedimenti per i quali l’udienza di trattazione e’ fissata tra il 1° gennaio 2022 e il 31 gennaio 2022”.
Resta infine prorogata al 31 dicembre 2022 anche la disposizione contenuta nell’art. 23-bis d.l. 137/2021, relativa alle copie esecutive telematiche e l’estensione di tutte le ricordate disposizioni emergenziali, in quanto compatibili, agli arbitrati rituali (art. 23, co. 10, d.l. 137/2020).

Processo penale

La proroga degli artt. 23 e 24, d.l. 137/2020 riguarda praticamente tutta la disciplina emergenziale ivi contenuta (collegamento da remoto, decisioni in camera di consiglio dei procedimenti dinanzi alla Corte di Cassazione, senza l’intervento del PG e dei difensori, con i relativi termini per invio delle richieste del PG e dei difensori o della richiesta di discussione orale e depositi telematici e via PEC), con la previsione di una disciplina transitoria, comune ai giudizi di legittimità in materia civile, secondo la quale “Le disposizioni di cui all’articolo 23, commi 8, primo, secondo, terzo, quarto e quinto periodo, e 8-bis, primo, secondo, terzo e quarto periodo, e all’articolo 23-bis, commi 1, 2, 3, 4 e 7, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, non si applicano ai procedimenti per i quali l’udienza di trattazione e’ fissata tra il 1° gennaio 2022 e il 31 gennaio 2022”
E’ altresì prorogata al 31 dicembre 2022 la vigenza delle disposizioni contenute nell’art. 23-bis d.l. 137/2020, relative ai giudizi penali d’appello nel periodo di emergenza COVID-19.

Processo tributario

Proroga al 31 dicembre 2022 anche per le disposizioni emergenziali relative al processo tributario. L’art. 16, co. 3, D.l. 228/2021, prevede infatti che “Il termine di cui all’articolo 27, comma 1, primo periodo, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, relativo allo svolgimento delle udienze da remoto nel processo tributario, e’ ulteriormente prorogato al 31 marzo 2022”.
Processo penale militare
Sono prorogate al 31 dicembre 2022 anche le norme emergenziali in materia di processo penale militare. Il comma 4 dell’art. 16, prevede infatti che “All’articolo 75, comma 1, del decreto-legge 25 maggio 2021 n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, relativo all’esercizio dell’attivita’ giurisdizionale e alla semplificazione delle attivita’ di deposito di atti, documenti e istanze nei procedimenti penali militari, le parole: «Limitatamente al periodo di vigenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19,» sono sostituite dalle seguenti: «Fino al 31 dicembre 2022»”.

Processo amministrativo

Più breve, invece, la proroga delle disposizioni che riguardano il processo amministrativo, per il quale la trattazione da remoto potrà essere disposta sino al 31 marzo 2022 (art. 16, co. 5, d.l. 228/2021): “All’articolo 7-bis, comma 1, del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, convertito, con modificazioni, dalla legge 16 settembre 2021, n. 126, relativo alla trattazione da remoto delle cause nel processo amministrativo, le parole «Fino al 31 dicembre 2021» sono sostituite dalle seguenti: «Fino al 31 marzo 2022»“.

Processo contabile

Parimenti più breve è la proroga delle disposizioni relative all’udienza da remoto dinanzi alla Corte dei Conti, secondo quanto prevede l’art. 16, co. 6 e 7, d.l. 228/2021: “6. Il termine di cui all’articolo 26, comma 1, del decreto-legge 28 ottobre 2020, n. 137, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 dicembre 2020, n. 176, relativo allo svolgimento delle adunanze e delle udienze dinanzi alla Corte dei conti, e’ ulteriormente prorogato al 31 marzo 2022. 7. I termini di cui all’articolo 85, commi 2, 5, 6 e 8-bis, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, relativi a misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia contabile, sono prorogati al 31 marzo 2022. 7. I termini di cui all’articolo 85, commi 2, 5, 6 e 8-bis, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, relativi a misure urgenti per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenerne gli effetti in materia di giustizia contabile, sono prorogati al 31 marzo 2022.“.