Avvocato Telematico

Quesiti e risposte: la dichiarazione di quantità è una pec ed il debitore l'ha contestata

Quesiti e risposte: la dichiarazione di quantità è una pec ed il debitore l'ha contestata

D: La dichiarazione di quantità ex art. 547 c.p.c. e’ stata comunicata a mezzo pec. Il terzo ha firmato digitalmente la propria dichiarazione. All udienza il debitore ha contestato la veridicità della dichiarazione assumendo altresì che la stessa non era firmata. Il Giudice ha rilevato che pur potendo dimostrare con al stampa cartacea esibita la ” sicura provenienza” della dichiarazione da quell indirizzo pec ( appartenente al terzo) non è possibile dimostrare che il file allegato ( contenente la dichiarazione) provenga dal legale rappresentate della società terzo pignorato. Ha quindi invitato il terzo a rendere nuovamente la dichiarazione …….Se il terzo (giustamente a mio avviso) mi rinvia la medesima dichiarazione sempre firmata digitalmente, che cosa posso fare ?
R: devi semplicemente depositare telematicamente il messaggio pec pervenutoti dal terzo,  in formato msg oppure eml,  formando una nota di deposito come atto principale.  In tal modo, il Giudice verificherà agevolmente l’autenticità della firma digitale della pec e,  quindi,  l’autenticità della dichiarazione.

robertoarcella

1 commento finora

Francesco Scritto il12:25 pm - Set 12, 2014

Al Tribunale di Napoli, il numero di R.G. (necessario per l’invio telematico) lo si ottiene successivamente (5-6 mesi) al deposito della Nota di iscrizione a ruolo, e dei titoli. Il deposito telematico della dichiarazione potrebbe essere effettuato solo successivamente…… Il problema risiede nel fatto che il Giudice si ritrova con un fascicolo interamente cartaceo (Verbale di pignoramento, Nota iscrizione a ruolo, titolo e precetto) ed una sola dichiarazione di quantità nel fascicolo informatico. Questa situazione si presta a facili rinvii pretestuosi e defatiganti……. Peraltro non credo sia agevole nemmeno per il Giudice, avere un intero fascicolo cartaceo e la sola dichiarazione nel fascicolo informatico (soprattuto per quei pochi che vengono in udienza con piena cognizione di ogni singola causa)……Ritengo sia doveroso informare gli addetti ai lavori e richiedere per il Tribunale di Napoli, di anticipare il “deposito telematico” dei pignoramenti presso terzi,anche in via facoltativa, rispetto alla sua naturale entrata in vigore….

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: