Quesiti e risposte: mi devo “ri-costituire” nello stesso giudizio dopo sospensione del processo…

Quesiti e risposte: mi devo “ri-costituire” nello stesso giudizio dopo sospensione del processo…

D: Mi devo “ricostituire” per la medesima parte convenuta in un giudizio riassunto dalla controparte ex art. 297 CPC dopo la sospensione necessaria, ribadendo le precedenti difese e domande anche in via riconvenzionale. Come devo intitolare l’atto di costituzione? Se lo qualifico comparsa di costituzione e risposta rischio di dover versare una seconda volta il contributo unificato.

R: Puoi tranquillamente adoperare, tra gli schemi disponibili del redattore, quello della “memoria generica”, indicando nel campo “note” che si tratta del deposito di una “memoria di costituzione dopo sospensione del giudizio” e puoi dare analogo nome anche all’atto, magari, a scanso di equivoci, precisando “in limine” che provvedi con quell’atto a costituirti “nuovamente” nel giudizio.

Nel processo in esame, la parte da te rappresentata risulta già costituita, per cui non dovresti avere problema alcuno, e men che meno di contributo unificato.

robertoarcella

1 commento finora

Valentina Andrea Sala Scritto il15:56 - 2 Maggio 2018

Buongiorno, avrei una domanda a riguardo invece della parte attrice.
Dopo la sospensione del procedimento, per depositare il ricorso di fissazione di udienza ex 297 c.p.c., devo selezionare “ricorso per fissazione udienza di prosecuzione del procedimento”? Anche se la dicitura sembra corretta, una volta flaggato mi fa procedere con una nuova iscrizione a ruolo (quindi nuova procura). Opterei quindi per “istanza generica”, indicando magari per la Cancelleria tra le note che è un ricorso di fissazione di udienza ex 297. E’ corretto?
In attesa di una risposta,
Cordiali saluti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: