Quesiti e risposte: posso consultare da remoto le comunicazioni e notificazioni telematiche di cancelleria?

Quesiti e risposte: posso consultare da remoto le comunicazioni e notificazioni telematiche di cancelleria?

D:  E’ possibile sapere, senza doversi recare fisicamente in cancelleria, se una controparte o il ctu hanno ricevuto la comunicazione o la notificazione telematica effettuata dalla Cancelleria? 

R: Certo. Si tratta di un’innovazione introdotta circa due anni fa. Dopo l’accesso in modalità autenticata al Portale Servizi Telematici ed aver individuato il fascicolo che interessa, è sufficiente selezionare la scheda corrispondente alle “Comunicazioni/Notificazioni di Cancelleria”:

2017-02-21_115844.jpg
Cliccando sull’ipertesto evidenziato nell’immagine, si aprirà la schermata contenente l’elenco delle notificazioni e delle comunicazioni effettuate dalla Cancelleria: cliccando su “Vedi” (il cui testo diventerà grassetto-corsivo-sottolineato, nella parte inferiore della schermata si aprirà per quel dato atto l’elenco delle comunicazioni inviate distinte per destinatario: a quel punto, cliccando sul segno (+) a sinistra della scritta “Ricevute telematiche” esploderà l’elenco delle ricevute, ovvero quella di accettazione e quella di avvenuta consegna, che sono scaricabili mediante un semplice click:
2017-02-21_115918.jpg

Ovviamente, questa operazione è possibile non solo per le comunicazioni dirette a se stessi, ma anche per quelle inviate alle altre parti ed agli ausiliari.

Si ricorda che, quanto alle ricevute di avvenuta consegna, occorre fare una distinzionetra notificazioni e comunicazioni di cancelleria: ed infatti per l’art. 17, ultimo comma, del Provv. DGSIA 16/4/2014, infatti, «la ricevuta di avvenuta consegna è di tipo breve  per le comunicazioni e di tipo completo per le notificazioni»: ciò vuol dire che la RdAC relativa alle comunicazioni contiene in allegato i dati di certificazione del gestore del destinatario ed il testo del messaggio originale: gli allegati vengono invece ‘sintetizzati’ nei rispettivi hash, mentre per le notificazioni la RdAC conterrà in allegato l’intero messaggio originale completo di allegati e i dati di certificazione del gestore del destinatario.

Per maggiori approfondimenti, rinvio alla lettura della mia relazione per la Scuola Superiore della Magistratura consultabile in questa pagina del blog e scaricabile in formato pdf, completo di immagini, da questo link.

robertoarcella

2 commenti

avvfrancescofuscofondiitalia Scritto il20:19 - 21 Febbraio 2017

mi permetto di far presente che:
il redattore atti “Quadra” permette di eseguire questa medesima consultazione e di eseguire le stesse cose;
Grazie Avv. Roberto Arcella x questo Blog interessantissimo,
x esempio ho imparato la differenza di ricevue fra notif. e comun. da parte della Canc.
Buonasera e buon lavoro

LUIGI STISSI Scritto il20:16 - 3 Marzo 2017

Il tema che vi rappresento è connesso per certi versi a quello in commento.
Vi chiedo: è possibile accedere allo stesso modo anche alle buste di deposito ricevute dalla cancelleria ed inviate dalla controparte?
Come si fa altrimenti a verificare la data di invio o di avvenuta consegna?
Riassumendo, se così fosse: nel processo analogico uno può sempre vedere dal timbro di deposito se la controparte ha agito in termini. Nel PCT tale verifica è come un tabù nelle mani del Cancelliere. O mi sbaglio?

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: